Ottieni un preventivo gratuito
Cosa devi trasportare?
Città di partenza
Città di arrivo

Trasporti eccezionali Nord Sud


Trasporti eccezionali Nord Sud: cosa sono? Come funzionano? Ecco un approfondimento utile al riguardo.


Il trasporto eccezionale ha validità nel momento in cui le dimensioni del carico superano i limiti previsti, è regolamentato dal Codice della Strada e prevede il rilascio di un’apposita autorizzazione per la circolazione. Affinché vengano evitate eventuali problematiche logistiche, la pianificazione deve essere eseguita dai professionisti del settore.


Cosa significa trasporti eccezionali?


Si definiscono trasporti eccezionali tutte quelle attività che prevedono lo spostamento di merci pesanti o fuori sagoma consentita: barche, yatch, mietitrebbia, blocchi di pietra, ponti, caldareria industriale, generatori, container e così via.


Da Nord a Sud i trasporti eccezionali sono più comuni di quanto si possa credere, e sono TUTTI caratterizzati dalla necessità di programmare con cura le delicate fasi di carico, trasporto e scarico, facendo sempre fede all’adempimento burocratico. I trasporti eccezionali, infatti, come già detto, sono regolamentati dal Codice della Strada.  


Cosa dice la normativa italiana sui trasporti eccezionali?


Gli articoli 61 e 62 del Codice della Strada stabiliscono i limiti dimensionali consentiti del carico trasportato.


Devono essere adibiti al trasporto eccezionale tutti quei veicoli che superano i seguenti limiti di sagoma e di peso:  



  • Lunghezza: nel caso di auto, trattore con rimorchio o semirimorchio 16,50 mt; nel caso di camion con rimorchio 18,75 mt.  

  • Larghezza: per tutti i veicoli 2,55 mt; nel caso di trasporti a temperatura controllata 2,50 mt.

  • Altezza: 4,00 mt

  • Peso: nel caso di veicolo isolato a 2 assi 18 – 20 tonnellate; nel caso di autoarticolati con 3 o più assi 24 – 44 tonnellate.


Il regolamento italiano stabilisce che i trasporti eccezionali vengano affidati a personale certificato e abilitato, che operi nel rispetto di tutte le norme di sicurezza e che pianifichi con la massima attenzione il tragitto da compiere, evitando così di incorrere in ponti bassi o strade strette.  


Quanti tipi di trasporti eccezionali esistono?


A seguire elenchiamo le principali tipologie di trasporto eccezionale.



  • Trasporto eccezionale su strada: è la tipologia più diffusa ed anche la più restrittiva e severa.  

  • Trasporto eccezionale aereo: per questo tipo di trasporto viene impiegato l’aereo cargo. Si tratta sicuramente dell’opzione di trasporto più veloce in assoluto.

  • Trasporto eccezionale della rete ferroviaria: il trasferimento avviene per mezzo della rete delle ferrovie dello Stato. In questo caso è indispensabile la presenza di un mezzo abilitato allo spostamento del carico, dalla stazione ferroviaria all’indirizzo di consegna.

  • Trasporto eccezionale nautico o marittimo: la spedizione viene effettuata a bordo di una nave addetta al carico. In questo caso lo svantaggio è rappresentato dai lenti tempi di consegna.  


A chi e quando presentare la domanda di autorizzazione?


Affinché il trasporto eccezionale possa avvenire deve essere rilasciata apposita autorizzazione alla circolazione. In caso contrario, il transito sulle strade pubbliche italiane ed europee non è consentito.


Per ottenere il permesso, la richiesta deve essere formulata alle concessionarie autostradali, statali o provinciali almeno 15 giorni prima.


Quali documenti allegare alla domanda di autorizzazione?


La domanda per il rilascio dell’autorizzazione al trasporto eccezionale deve includere:      



  • Assicurazione del mezzo

  • Scheda tecnica dei veicoli con firma autenticata

  • Documento di agganciamento

  • Delega di potere e procura

  • Dichiarazione di responsabilità (da trasmettere anche in originale)

  • Copia dei libretti

  • Buono d’ordine giustificativo del trasporto


Cosa sono i mezzi d’opera nei trasporti eccezionali?


I mezzi d’opera sono tutti quei veicoli dichiarati idonei al trasporto di materiali per l’edilizia e costruzioni (gru, escavatori …); per gli usi stradali (macchine traccialinee, rulli, finitrici …); per le attività estrattive e minerarie (perforatori, trasportatori a nastro …); per i lavori forestali trattori, rimorchi forestali …); per le attività siderurgiche (pressatrici, piegatrici …).


Scorta tecnica: cos’è e quando serve?


In presenza di una corsia larga meno di 3,5 mt, o comunque, quando la larghezza del veicolo è più grande della carreggiata, la legge prevede che sia presente la scorta tecnica. In parole povere, il trasporto eccezionale deve avvenire con la presenza di addetti specializzati (organi di Polizia).


Trasporti eccezionali e restrizioni d’orario


Sono previste specifiche restrizioni d’orario in caso di veicoli per cui si applica un limite di velocità massimo di 40 km h, più lunghi di 35 mt o più larghi di 3,5 mt. In questi casi la circolazione è consentita esclusivamente dalle ore 21:00 alle ore 06:00.


Hai bisogno di effettuare un trasporto eccezionale e non sai a chi rivolgerti? Trasportami si occupa di gestire in totale sicurezza la movimentazione di qualsiasi carico eccezionale, dal trasporto di barche a vela e a motore al trasporto di trattori e macchinari agricoli e molto altro ancora.

© 2022 ALL RIGHTS RESERVED​ – TRASPORTAMI BY FALA MULTISERVICE – P.IVA 12118500011